HeraLAB

Il Progetto

L'Iniziativa

L'iniziativa HeraLAB è stata lanciata il 21 maggio 2013 in occasione dell'evento di presentazione del Bilancio di Sostenibilità 2012 del Gruppo.

dettagli
 
icona iniziativa

HeraLAB: l’iniziativa

L'iniziativa HeraLAB è stata lanciata il 21 maggio 2013 in occasione dell'evento di presentazione del Bilancio di Sostenibilità 2012 del Gruppo. A presentarlo è il Sindaco di Imola, Daniele Manca, che si è fatto portavoce di un'istanza diffusa di radicamento dell'impresa nel tessuto sociale, riconoscendo a Hera oggi un ruolo decisivo per promuovere la sostenibilità del territorio in tutte le sue dimensioni, economica, sociale e ambientale.

L'idea di HeraLAB è stata tradotta in un Regolamento, che ne descrive le caratteristiche e le modalità di funzionamento attraverso regole chiare e condivise, uguali per tutti. Il Regolamento è stato sviluppato insieme a tutti coloro che in Hera avranno il compito di presidiare questo nuovo strumento e condiviso con i partecipanti dei LAB, coloro che, in prima persona, avranno la possibilità di testarne il funzionamento.
Il regolamento sarà sottoposto all'approvazione dei LAB.

I primi LAB ad essere costituiti sono quelli di Ravenna e di Imola-Faenza, che formuleranno le loro proposte di iniziative per migliorare la sostenibilità dei servizi offerti da Hera entro la fine del 2013.

Visita le sezioni dedicate a ciascun LAB per conoscere i componenti, i lavori in corso e tutte le iniziative proposte.

Il LAB

Il LAB in cui Hera opera è un consiglio consultivo locale multi-stakeholder, istituito in ciascuna delle aree territoriali.

dettagli
 
icona LAB

HeraLAB: il LAB

Il LAB, acronimo di Local Advisory Board, è un consiglio consultivo locale multi-stakeholder, previsto in ciascuna delle aree territoriali in cui oggi Hera opera con il compito di formulare una proposta di interventi di coinvolgimento degli stakeholder e di iniziative, da realizzare eventualmente insieme ad altri soggetti, per promuovere la sostenibilità dei servizi offerti da Hera.

I LAB rappresentano per Hera:
  • uno spazio in cui comunicare, diffondere e promuovere gli obiettivi futuri e i risultati conseguiti nei singoli territori nelle tre dimensioni della sostenibilità: economica, sociale e ambientale;
  • uno strumento di ascolto delle esigenze e delle aspettative degli stakeholder locali in relazione ai servizi offerti da Hera;
  • un laboratorio di idee per promuovere nel territorio specifiche iniziative di coinvolgimento degli stakeholder e di iniziative finalizzate, più in generale, a migliorare la sostenibilità dei servizi erogati da Hera e a creare valore condiviso;
  • un comitato per il monitoraggio dell'efficacia delle iniziative approvate e realizzate da Hera.

Il Contesto

In Hera, il radicamento territoriale rappresenta una caratteristica peculiare del modello di impresa e un elemento imprescindibile nella strategia di Responsabilità Sociale.

dettagli
 
icona contesto

HeraLAB: il contesto

In Hera, il radicamento territoriale rappresenta una caratteristica peculiare del modello di impresa e un elemento imprescindibile nella strategia di Responsabilità Sociale. Hera è convinta che la sostenibilità di un'impresa sia legata alla sua capacità di ascolto e di risposta alle aspettative dei diversi portatori di interesse, attraverso un loro bilanciamento.

E' per questo motivo che nella definizione del nuovo modello organizzativo Hera ha voluto costruire un modello di governo del coinvolgimento degli stakeholder per rafforzare il presidio del territorio e supportare gli Area Manager, le attuali figure che si occupano della gestione dei rapporti tra Hera e il territorio, nell'esercizio della loro attività.

Hera LAB consentirà di creare un canale strutturato di dialogo con gli stakeholder locali sui temi afferenti alla sostenibilità dei servizi offerti sul territorio oggetto di rendicontazione annuale da parte del Gruppo. Tale dialogo vuole integrare le attività già in atto potenziando la capacità di ascolto e quindi di risposta mirata sul territorio. Inoltre, adottando una strategia di stakeholder engagement mirata per ciascun territorio, Hera si pone l'obiettivo di aumentare la consapevolezza ed il livello di conoscenza di tutti i suoi portatori di interesse sui temi di sostenibilità di Hera stessa, e di migliorare la sostenibilità dei propri servizi per il territorio.

Il Regolamento

L'idea di HeraLAB è stata tradotta all'interno di questo Regolamento che ne descrive le caratteristiche, le finalità e le modalità di funzionamento.

dettagli
 
icona regolamento

HeraLAB: il regolamento

L'idea di HeraLAB è stata tradotta all'interno di questo Regolamento che ne descrive le caratteristiche, le finalità e le modalità di funzionamento. Il Regolamento è stato sviluppato insieme a tutti coloro che in Hera hanno il compito di presidiare questo nuovo strumento e, quindi, condiviso con i partecipanti ai LAB che, in prima persona, avranno la possibilità di verificare la funzionalità e l'efficacia delle regole proposte.
Il regolamento sarà sottoposto all'approvazione dei LAB.

Scarica il regolamento Scarica l'ultima edizione del regolamento 2014
  • Per Hera essere la migliore vuol dire rappresentare un motivo di orgoglio e di fiducia per il territorio di riferimento, perché sia la ricchezza economica, sociale e ambientale da promuovere per un futuro sostenibile apici chiusi dal Codice Etico di Hera, Missione

I Risultati

Progetto “Angelo”

Avviato a Pontelagoscuro il progetto "Angelo"

12 Dicembre 2016

Ha preso avvio in questi giorni "Angelo", il progetto di educazione ambientale pensato per coinvolgere le associazioni di volontariato nell'ambito della riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti.

Nato da un'idea di HeraLAB Ferrara, questo progetto mette in campo gli eco volontari come tutor ambientali per presidiare, informare e sensibilizzare attraverso attività di tutoraggio, i cittadini sulla corretta gestione dei rifiuti urbani, con particolare attenzione per le raccolte differenziate. Tra i loro compiti: aiutare a comprendere le nuove modalità di raccolta, verificare se i residenti incontrano difficoltà ad attuarle, monitorare il territorio per individuare eventuali abbandoni e evidenziare situazioni critiche e necessità di intervento.

Chi ha proposto l'iniziativa: HeraLAB di Ferrara
Dove è stata realizzata: nel territorio di Ferrara

Avviato a Pontelagoscuro il progetto "Angelo"

Ha preso avvio in questi giorni "Angelo", il progetto di educazione ambientale pensato per coinvolgere le associazioni di volontariato nell'ambito della riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti.

Nato da un'idea di HeraLAB Ferrara, questo progetto mette in campo gli eco volontari come tutor ambientali per presidiare, informare e sensibilizzare attraverso attività di tutoraggio, i cittadini sulla corretta gestione dei rifiuti urbani, con particolare attenzione per le raccolte differenziate. Tra i loro compiti: aiutare a comprendere le nuove modalità di raccolta, verificare se i residenti incontrano difficoltà ad attuarle, monitorare il territorio per individuare eventuali abbandoni e evidenziare situazioni critiche e necessità di intervento.

Come prima zona di intervento dei volontari è stata individuata Pontelagoscuro proprio perché interessata da una importante sperimentazione e riorganizzazione dei servizi di raccolta rifiuti, promossa dal Comune di Ferrara e Hera.
Dal 7 novembre infatti, nelle isole ecologiche di base di Pontelagoscuro, sono stati posizionati i nuovi cassonetti dell'indifferenziato dotati di calotta e sistema di riconoscimento dell'utenza. Anche i cassonetti per le potature sono stati sostituiti con contenitori che potranno essere aperti solo con la tessera per i servizi ambientali (Carta Smeraldo). Questa modifica è finalizzata a migliorare la qualità del materiale raccolto. Inoltre, i bidoni stradali dell'organico sono forniti di un coperchio con oblò che permette l'introduzione unicamente degli appositi sacchetti da 10 litri, già in uso per questo tipo di raccolta. Non hanno subito modifiche i contenitori per carta, plastica e vetro.

Gli eco volontari appositamente formati dai tecnici di Hera, in questa prima fase sono coordinati dal "Comitato Vivere Insieme", a cui aderiscono tutte le associazioni di volontariato presenti a Pontelagoscuro.

Chi ha proposto l'iniziativa: HeraLAB di Ferrara

Dove è stata realizzata: nel territorio di Ferrara

Piano di Salvaguardia della Balneazione

Hera racconta il Piano di Salvaguardia della Balneazione

17 Novembre 2016

Esplicitare il ruolo di Hera nel Piano di Salvaguardia della Balneazione e diffonderne la sua conoscenza informando i cittadini sullo stato avanzamento lavori, sottolineando il ruolo attivo e l'impegno economico di Hera. Questa l'esigenza che caratterizza l'iniziativa "Conosciamo il Piano di Salvaguardia della Balneazione" proposta dal LAB di Rimini.

Chi ha proposto l'iniziativa: HeraLAB di Rimini
Dove è stata realizzata: nel territorio di Rimini

Hera racconta il Piano di Salvaguardia della Balneazione

Esplicitare il ruolo di Hera nel Piano di Salvaguardia della Balneazione e diffonderne la sua conoscenza informando i cittadini sullo stato avanzamento lavori, sottolineando il ruolo attivo e l'impegno economico di Hera. Questa l'esigenza che caratterizza l'iniziativa "Conosciamo il Piano di Salvaguardia della Balneazione" proposta dal LAB di Rimini.
L'obiettivo è quello di favorire la diffusione di informazioni riguardanti attività, tempistiche e benefici attesi relativamente alla realizzazione del Piano di Salvaguardia della Balneazione nei confronti di determinate categorie di stakeholder per inserire l'opera fognaria in un contesto più ampio di miglioramento di qualità della vita inteso come obiettivo strategico dell'intero territorio.
Con questo scopo l'Amministrazione comunale e i tecnici di Hera hanno tenuto sei incontri, con l'Associazione Albergatori Rimini, Ecoarea, Unindustria, Università, Legacoop Romagna per chiudere il 17 novembre 2016 con le Associazioni aderenti al Forum Ambiente.
È stato, inoltre, effettuato a luglio 2016 un incontro di aggiornamento sul PSBO con il Piano Strategico.

Chi ha proposto l'iniziativa: HeraLAB di Rimini

Dove è stata realizzata: nel territorio di Rimini

Bologna green welcome

L'informazione che fa la differenza: arriva "Bologna green welcome"

1 Novembre 2016

"Bologna green welcome" nasce dall'esigenza di rispondere ai bisogni di una città che ogni anno accoglie numerosi cittadini stranieri e studenti fuori sede. Il progetto, ideato all'interno di HeraLAB, ha permesso la realizzazione di due prodotti informativi che descrivono le modalità di raccolta differenziata specifiche per ciascun quartiere e che illustrano la corretta modalità di separazione e conferimento dei rifiuti domestici: l'obiettivo è quello di incrementare, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, i rifiuti raccolti in modo differenziato e di far conoscere ai nuovi arrivati in città, le attività che Hera svolge.

Chi ha proposto l'iniziativa: HeraLAB di Bologna
Dove è stata realizzata: nel territorio di Bologna

L'informazione che fa la differenza: arriva "Bologna green welcome"

"Bologna green welcome" nasce dall'esigenza di rispondere ai bisogni di una città che ogni anno accoglie numerosi cittadini stranieri e studenti fuori sede. Il progetto, ideato all'interno di HeraLAB, ha permesso la realizzazione di due prodotti informativi che descrivono le modalità di raccolta differenziata specifiche per ciascun quartiere e che illustrano la corretta modalità di separazione e conferimento dei rifiuti domestici: l'obiettivo è quello di incrementare, sia dal punto di vista qualitativo che quantitativo, i rifiuti raccolti in modo differenziato e di far conoscere ai nuovi arrivati in città, le attività che Hera svolge.
Il primo dépliant realizzato nella versione italiana e inglese, è stato inviato sia al Comune di Bologna per distribuirne delle copie presso gli uffici anagrafe e URP ai neo residenti, sia all'Università di Bologna per distribuirlo ai nuovi iscritti. È stato inoltre inserito nel welcome kit per gli studenti che si immatricoleranno o iscriveranno a nuovi corsi per l'anno accademico 2016-2017. Il secondo dépliant tradotto nella versione cinese mandarino e russo è stato consegnato alla Direzione Servizi Ambientali di Hera che, in collaborazione con il Comune di Bologna, sta provvedendo a distribuirlo alle utenze target (negozianti e operatori economici dei quartieri a più alta densità straniera).
Infine la App «Il Rifiutologo» è stata implementata a luglio 2016 con l'introduzione della localizzazione delle isole interrate e il calendario della raccolta porta a porta nel centro di Bologna.

Chi ha proposto l'iniziativa: HeraLAB di Bologna

Dove è stata realizzata: nel territorio di Bologna

I LAB

Modena

dettagli

Modena

Bologna

dettagli

Bologna

Ferrara

dettagli

Ferrara

Rimini

dettagli

Rimini

Forlì Cesena

Opening soon

Forlì Cesena

Opening soon

Imola Faenza

dettagli

Imola Faenza

Ravenna

dettagli

Ravenna

Cosa sono i gettoni di presenza

Come previsto dal regolamento di HeraLab, la nomina e la partecipazione al LAB è a titolo gratuito. Hera ha scelto di erogare per ciascun incontro e per ogni partecipante un gettone di presenza di 100€. I gettoni complessivamente maturati andranno a costituire un fondo che il LAB destinerà ogni anno per sostenere iniziative e progetti di sostenibilità promossi da enti pubblici o non profit locali individuati dal LAB stesso.
I gettoni di presenza potranno essere devoluti anche per la promozione della campagna di Hera "Regala un albero alla tua città". Il gettone di presenza è calcolato anche nel caso di creazione di sottogruppi di lavoro interni o trasversali tra i LAB.

 
 

I gettoni di presenza di HeraLAB Ravenna

I gettoni di presenza maturati solo per il primo anno di HeraLAB Ravenna ammontano a 5.000€.
I partecipanti hanno deciso di destinare queste risorse ai due progetti descritti di seguito.
Ad ogni iniziativa sono stati donati 2.500€.

 
 
Linea rosa

L'autonomia delle donne è un progetto a favore di donne vittime di violenza e ospitate presso le strutture di Linea Rosa. Ha lo scopo di facilitarle nel difficile percorso di uscita dalla casa rifugio e di acquisizione dell'autonomia in una nuova casa, fornendo loro un supporto economico nel pagamento delle utenze e di tutto ciò che serve per la gestione della casa.

Demetra - donne in aiuto

Accoglienza in emergenza di madri sole con figli minori e donne vittime di violenza è un progetto che prevede l'accoglienza in situazioni di emergenza di madri con i loro figli minori che si trovano in condizioni di disagio abitativo a seguito di sfratti esecutivi, di abbandono da parte del coniuge/compagno o di altri eventi che le spingono a rivolgersi ai Servizi Sociali. L'iniziativa è rivolta anche a madri con i loro figli minori, che hanno subìto minacce o effettivi maltrattamenti e abusi, esposte ad un reiterarsi degli stessi, che si rivolgono alle forze dell'ordine, ai Servizi Sociali o direttamente all'Associazione Demetra.

Dormitorio pubblico per adulti Il re dei Girgenti

Pasti caldi, un letto, abiti puliti per ospiti fissi o di passaggio. "Il re di Girgenti" è molto più di un asilo notturno. Ogni giorno al dormitorio pubblico gestito dai volontari del Comitato cittadino antidroga di Ravenna arrivano 50 persone. Gli viene offerto un ponte per attraversare la strada. E loro, vite in transito, italiani, africani, o vite ai margini, con storie di droga, alcol, carcere diventano, anziché una potenziale minaccia alla sicurezza sociale, una ricchezza per la città. Come? Preparano i pasti per gli ospiti, distribuiscono la spesa per chi ha casa ma non sufficiente cibo con i prodotti offerti dai supermercati, dalla Coop, dal Banco Alimentare, da due panetterie di Ravenna. Insomma gli ospiti del "re di Girgenti" restituiscono quello che ricevono e diventano una risorsa che dà valore aggiunto alla città, e avvicina persone che non si conoscono.

 
 

I gettoni di presenza di HeraLAB Imola-Faenza

I gettoni di presenza maturati solo per il primo anno di HeraLAB Imola Faenza ammontano a 7.300€.
I partecipanti hanno deciso di destinare queste risorse alla Caritas per supportare le utenze deboli presenti nei territori di Imola e Faenza.

 
 
Caritas Italiana

Caritas nazionale è l'organismo pastorale della Cei (Conferenza Episcopale Italiana) nato nel 1971 per la promozione della carità. Collabora con i Vescovi nel promuovere nelle Chiese l'animazione della carità e il dovere di tradurla in interventi concreti, organizza e coordina interventi di emergenza in Italia e all'estero con la collaborazione di altri organismi di ispirazione cristiana, realizza studi e ricerche sui bisogni per aiutare a scoprirne le cause, promuove il volontariato e contribuisce allo sviluppo umano e sociale dei Paesi del Sud del mondo anche attraverso la sensibilizzazione dell'opinione pubblica.

 
 

I gettoni di presenza di HeraLAB Ferrara

I gettoni di presenza maturati per il primo anno di HeraLAB Ferrara ammontano a 4.800€.
I partecipanti hanno deciso di destinare queste risorse all'Associazione Viale K per la realizzazione di un orto nel carcere di Ferrara per consentire ai detenuti più poveri e senza familiari di accedere alla fornitura gratuita di verdura fresca. L'Associazione Viale K provvederà alle opere necessarie per la realizzazione dell'orto e a sostenere la formazione e la gestione delle attività volontarie per la coltivazione.

I gettoni di presenza maturati per il primo anno di HeraLAB Ferrara ammontano a 3.100€.
I partecipanti hanno deciso di destinare equamente queste risorse alle due Associazioni "Scacco Matto" e "Il Mantello - Emporio solidale di Ferrara"

 
 
L'Associazione Viale K

L'Associazione Viale K è nata nel 1992 in seno alla Parrocchia Sant' Agostino per rispondere in maniera organizzata e concreta alle varie situazioni di disagio sociale e di difficoltà.
Ha cominciato ad accogliere ed aiutare i giovani del quartiere e successivamente ha esteso la sua attenzione a tutte le persone emarginate, agli immigrati appena arrivati, ai detenuti in misura alternativa al carcere e a tutte quelle persone che versano in situazioni di povertà estrema.

Scacco Matto: è una cooperativa sociale che si rivolge prevalentemente a soggetti in trattamento psichiatrico

Scacco Matto: è una cooperativa sociale che si rivolge prevalentemente a soggetti in trattamento psichiatrico, invalidi psichici ed ex degenti di istituti psichiatrici. Come scopo primario si propone di perseguire l'interesse generale della comunità alla promozione umana e all'integrazione sociale dei cittadini attraverso: la gestione di servizi socio-sanitari ed educativi e lo svolgimento di attività diverse finalizzate all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate.

Il Mantello – Emporio solidale di Ferrara

Il Mantello - Emporio solidale di Ferrara: mira ad attivare servizi per i nuovi poveri, caratterizzandosi in primis come una forma di sostegno al reddito per un periodo che va dai 6 ai 18 mesi come massimo, attraverso la distribuzione di beni alimentari alle persone a ai nuclei familiari beneficiari, attraverso un luogo tipo "market" che permette la scelta dei prodotti più adeguati al soddisfacimento del proprio fabbisogno nutrizionale.

 
 

I gettoni di presenza di HeraLAB Rimini

I gettoni di presenza maturati per il primo anno di HeraLAB Rimini ammontano a 4.800€.
I partecipanti hanno deciso di destinare queste risorse alla Mensa dei Poveri dei Frati Minori Cappuccini di Rimini.

I gettoni di presenza maturati per il secondo anno di HeraLAB Rimini ammontano a 5.200€.
I partecipanti hanno deciso di destinare queste risorse al CAV - Centro di Aiuto alla Vita.

 
 
La Mensa dei Poveri dei Frati Minori Cappuccini di Rimini

La Mensa dei Poveri dei Frati Minori Cappuccini di Rimini è stata istituita nel 2001 ed è considerata un fiore all'occhiello della solidarietà riminese. Sono 150/170 i pasti completi distribuiti ogni giorno (festività comprese). Attualmente oltre a distribuire pasti caldi, la struttura offre agli ospiti una doccia alla settimana, ed in alcuni casi di effettiva necessità anche il lavaggio degli indumenti e un pacco di viveri settimanale.
Nell'agosto 2004 è stata istituita l'anagrafe computerizzata degli ospiti: gli operatori del centro di ascolto a seguito di un colloquio rilasciano all'ospite una tessera nominativa per accedere gratuitamente a tutti i servizi offerti. Attualmente collaborano circa 60/65 volontari, coadiuvati saltuariamente da gruppi Scout.

RIMINI: I gettoni di presenza maturati per il secondo anno di HeraLAB Rimini ammontano a 5.200€

Il Centro di Aiuto alla Vita (CAV) è una libera associazione, di ispirazione cristiana, che si rivolge a ragazze madri e a famiglie (con bambini piccoli) in difficoltà, di qualsiasi nazionalità e religione. L'Associazione è nata in seguito alla legge sull'aborto (Lgs.194/1978) e ha lo scopo di promuovere e svolgere ciò che può essere utile alla difesa del diritto alla vita come l'accoglienza, il sostegno psicologico e la vicinanza alle gestanti. Le attività consistono nell'accogliere e aiutare donne che hanno bisogno di un supporto morale e/o materiale, per portare a termine la gravidanza e per seguire il bambino nei primi due anni di vita.

 
 

I gettoni di presenza di HeraLAB Bologna

I gettoni di presenza maturati solo per il primo anno di HeraLAB Bologna ammontano a 3.800€.
I partecipanti hanno deciso di destinare queste risorse all’Associazione "Chiusi fuori" Bologna.

 
 
Chiusi fuori

L’associazione opera per favorire il reinserimento sociale nel territorio bolognese di ex - detenuti e di detenuti in regime di misure alternative al carcere. Agisce in  collaborazione con il Comune di Bologna, nell’alveo delle attività di cittadinanza attiva che prevedono, nell’ottica della sussidiarietà, azioni di cura e riqualificazione dei beni comuni urbani. Per dare seguito a una prima positiva esperienza, tuttora in corso, l’associazione si propone di condurre interventi di manutenzione e pulizia integrative di aree verdi, aree urbane e strade, rimozione di scritte e affissioni abusive, attività di riqualificazione di aree verdi, nell’ambito di un percorso di reinserimento sociale.
L’attività avviata nel Quartiere S. Vitale ha richiamato, oltre a quello dei cittadini, anche l’interesse di altri territori: la prosecuzione / estensione del progetto necessita di risorse, in particolare per consentire un pasto ai detenuti, ai quali non può essere consegnato denaro.

 

La sostenibilità in hera

Raccolta differenziata: 54,0%

Investimenti: 326,5 milioni di euro
Occupazione diretta e indiretta: 15.291

Il Gruppo Hera per la sostenibilità del territorio

La strategia del Gruppo Hera conferma la volontà di garantire un modello di impresa innovativo basato su un approccio multi business, declinato su quattro linee strategiche - crescita, eccellenza, efficienza ed innovazione – all’interno delle quali la sostenibilità è trasversale e rappresenta una priorità del Gruppo.

Già dal 2003 con la pubblicazione annuale del Bilancio di Sostenibilità e in seguito con la costituzione della Direzione Corporate Social Responsibility, Hera ha incluso nella sua strategia la Responsabilità Sociale d’Impresa intesa come un valido strumento per incrementare la propria competitività e un elemento chiave per il raggiungimento di uno sviluppo sostenibile per l’azienda e per il territorio in cui opera.

Missione e Valori espressi all’interno del Codice Etico, dettano le linee guida per i comportamenti aziendali e informano ogni azione e relazione aziendale. Missione, valori e criteri di comportamento condivisi stabiliti nel Codice Etico, disegnano l’orizzonte strategico e culturale all’interno del quale si elabora il piano industriale, si rendicontano in trasparenza i risultati attraverso il Bilancio di Sostenibilità, si definisce annualmente la pianificazione economica.

Il sistema di Balanced Scorecard consente di declinare la strategia aziendale e le politiche di responsabilità sociale in specifici progetti operativi gestiti da dirigenti e quadri e periodicamente monitorati. Tali progetti costituiscono parte integrante del sistema incentivante del management.

Questo percorso virtuoso della responsabilità sociale in Hera è caratterizzato da numerose iniziative di coinvolgimento degli stakeholder che consentono l’esplicitazione di legittime istanze e il loro opportuno bilanciamento nelle politiche aziendali e nei relativi strumenti di attuazione. Visita la sezione del sito web del Gruppo dedicata alla Responsabilità Sociale



Cittadini serviti: 4,4 milioni
Comuni complessivi: 358
Valore delle forniture da fornitori locali: 67%

Notizie

Hera finalista all'Oscar di Bilancio 2016

Hera finalista all'Oscar di Bilancio 2016

29 Novembre 2016 - NEWS

La multiutility è arrivata finalista alla cinquantaduesima edizione degli Oscar di Bilancio, il premio promosso e gestito da Ferpi che premia le imprese e le organizzazioni pubbliche più virtuose nella rendicontazione economica e quelle più attente alla cura del rapporto con gli stakeholder.

leggi tutto

Hera finalista all'Oscar di Bilancio 2016

La multiutility è arrivata finalista alla cinquantaduesima edizione degli Oscar di Bilancio, il premio promosso e gestito da Ferpi che premia le imprese e le organizzazioni pubbliche più virtuose nella rendicontazione economica e quelle più attente alla cura del rapporto con gli stakeholder. Per il 2016 le categorie premiate sono state quattro:

  • Imprese Bancarie, Finanziarie e Assicurative
  • Società e Grandi Imprese
  • Piccole e Medie Imprese
  • Fondazioni e Organizzazioni No-profit Erogative e Non Erogative.

Hera, che aveva già vinto l'Oscar di Bilancio nel 2007, quest'anno ha ricevuto il riconoscimento nella categoria "Società e grandi imprese" con la seguente motivazione: "Ottima la strutturazione del fascicolo di bilancio, unitamente ad una immediata leggibilità, grazie anche alle sintesi riportare a fianco di ciascun paragrafo della Relazione sulla gestione. Nel bilancio di sostenibilità, da segnalare un'analisi della Materialità supportata da un forte coinvolgimento sulle comunità locali (HeraLAB) e un sistema di Balanced Scorecard in cui gli obiettivi di sostenibilità incidono per il 20% della remunerazione variabile".

L'esperienza di HeraLAB Ravenna: i risultati di 3 anni di attività

L'esperienza di HeraLAB Ravenna: i risultati di 3 anni di attività

29 Settembre 2016 - NEWS

Si è svolto nelle splendide sale del museo TAMO di Ravenna, l'incontro conclusivo del primo dei 6 consigli consultivi locali attivati da Hera per coinvolgere gli stakeholder e migliorare la sostenibilità dei servizi forniti.

leggi tutto

L'esperienza di HeraLAB Ravenna: i risultati di 3 anni di attività

Si è svolto nelle splendide sale del museo TAMO di Ravenna, l'incontro conclusivo del primo dei 6 consigli consultivi locali attivati da Hera per coinvolgere gli stakeholder e migliorare la sostenibilità dei servizi forniti.

Durante l'incontro, a cui oltre ai componenti del LAB erano presenti Filippo Bocchi - Direttore Corporate Social Responsibility di Hera, Cecilia Natali - Area Manager di Hera, Patrizia Ravagli - Preside del Liceo Classico Alighieri di Ravenna e altre autorità locali, sono tanti presentati i progetti sviluppati e portati a termine dal 2013 ad oggi:

  • "Sulle tracce dei rifiuti...per un giorno" che ha coinvolto gli studenti del Liceo Classico Alighieri nella realizzazione di un video che documenta la raccolta differenziata e la filiera del recupero
  • "Il recupero delle acque meteoriche in ambito urbano" bando che ha visto come protagonisti gli studenti dell'ateneo ravennate che hanno proposto soluzioni sostenibili a favore della darsena della città
  • "La tua piadina ama l'ambiente" che ha interessato 66 chioschi di piadina, presso i quali sono stati collocati mini ecopunti per fare la raccolta differenziata
  • centro del riuso "C'Hera una svolta", un "emporio" in cui raccogliere i materiali di scarto di lavorazione di imprese per renderli disponibili alle scuole a fini didattici, educativi, culturali e artistici
  • "SOStegno Hera", la guida che illustra tutte le opportunità di risparmio su gas, energia elettrica, teleriscaldamento e acqua, rivolta alle persone che si trovano anche momentaneamente in disagio economico.

Nell'anno in corso, inoltre, il LAB porterà a termine ulteriori due progetti: il primo riguarda l'attivazione di un tavolo di analisi e confronto con la Direzione Acquisti e Appalti di Hera, per individuare ambiti di miglioramento relativamente al tema delle gare e degli appalti e alla gestione dei fornitori, il secondo ruota attorno all'applicazione del concetto di accessibilità ai servizi ambientali, attraverso la divulgazione di materiale informativo tradotto in varie lingue e l'elaborazione di "linee guida" che facilitino l'accessibilità per le persone con disabilità.

Il pomeriggio si è concluso con la consegna del contributo di 5.600 euro a favore dell'asilo notturno "Re di Girgenti". Tale donazione è frutto del fondo maturato con i gettoni di presenza dei componenti di LAB Ravenna, e va ad aggiungersi ai 5.000 donati negli anni scorsi alla Onlus "Linea Rosa" e all'associazione "Demetra".

I progetti HeraLAB per il territorio di Modena

I progetti HeraLAB per il territorio di Modena

13 Settembre 2016 - NEWS

Rendere più semplice e vantaggioso per i cittadini il ricorso alle stazioni ecologiche presenti sul territorio, sostenere progetti per prevenire la produzione dei rifiuti recuperando le eccedenze, alimentari e non, promuovere buone pratiche nel campo del risparmio energetico: queste sono le principali aree di intervento delle iniziative proposte su cui ha lavorato il LAB di Modena, nel suo primo anno di attività.

leggi tutto

I progetti HeraLAB per il territorio di Modena

Rendere più semplice e vantaggioso per i cittadini il ricorso alle stazioni ecologiche presenti sul territorio, sostenere progetti per prevenire la produzione dei rifiuti recuperando le eccedenze, alimentari e non, promuovere buone pratiche nel campo del risparmio energetico: queste sono le principali aree di intervento delle iniziative proposte su cui ha lavorato il LAB di Modena, nel suo primo anno di attività.

I risultati di questo primo anno di lavoro sono stati presentati martedì 13 settembre 2016 dal Presidente della Provincia di Modena, Giancarlo Muzzarelli, e dall'Amministratore Delegato di Hera, Stefano Venier. All'incontro, che ha avuto luogo presso la sede Hera di Modena, hanno partecipato anche alcuni componenti di HeraLAB.

Come previsto dal regolamento dell'iniziativa, la nomina a componente del Lab e la partecipazione agli incontri progettuali sono a titolo gratuito. Hera tuttavia attribuisce un "gettone di presenza" del valore di 100 euro ad ogni partecipante e per ciascun incontro del laboratorio, che viene devoluto a sostegno di progetti di sostenibilità nel territorio individuati dal LAB. Nel primo anno di attività del LAB di Modena le presenze hanno così consentito di maturare un fondo di 7.100 euro che sarà destinato ad alcuni importanti progetti locali: 5.000 euro saranno destinati allo sviluppo delle iniziative per il contrasto alla povertà della Rete degli Empori Sociali della Provincia di Modena ("Portobello" a Modena, "Il Melograno" a Sassuolo, "Il Pane e le Rose" a Soliera, ecc.), mentre i restanti saranno destinati a due associazioni no profit attive nell'area del Frignano (FrignAut e ANFFAS).

Dicono di noi

Patrizio Roversi
Viviamo un periodo di assoluta sfiducia dei cittadini nei confronti delle istituzioni e delle grandi imprese. I territori sono sempre più sfilacciati dal punto di vista socio-politico e sempre meno irrorati di energie sociali. HeraLAB deve essere un'operazione concreta, consapevole e soprattutto politica, nel senso buono e autentico del termine. Perché fare politica significa entrare in contatto con il territorio, ascoltare le persone, comprendere i loro bisogni e tradurli in soluzioni concrete. apici chiusi
Patrizio Roversi
conduttore televisivo, scrittore e viaggiatore
Paolo Cattabiani
HeraLAB è una scommessa intelligente, che denota un approccio umile dell'impresa nei confronti del territorio. Ascoltare le persone è un'operazione difficile e mediare gli interessi può risultare complicato ma sono certamente di più le ragioni per portare avanti questa iniziativa che per desistere. apici chiusi
Paolo Cattabiani
Presidente Legacoop Emilia Romagna
Patrizio Roversi
HeraLAB è uno schema di partecipazione che, per un'impresa come Hera, può facilitare la programmazione di investimenti a lungo termine per lo sviluppo del territorio. Se l'impresa investe nel lungo periodo lo fa nell'interesse della comunità, non solo nel proprio. E' una grande occasione per fare cultura nel nostro paese su queste tematiche, per insegnarci a guardare lontano e a comprendere il vero significato di sviluppo sostenibile apici chiusi
Luca Lambertini
Luca Lambertini, Professore Ordinario di Economia Politica, Università di Bologna
Francesco Greco
Credo che la funzione primaria della responsabilità sociale sia rendere più autentico, sicuro e consapevole l'atto di consumo. HeraLAB è una nuova occasione per traguardare questo obiettivo perchè favorisce i processi di ascolto e dialogo dell'impresa con i diversi interlocutori presenti nel territorio apici chiusi
Francesco Greco
avvocato del Foro di Bologna e consulente legale dell’Unione Nazionale Consumatori Emilia Romagna
Silvia Giannini
Per un'azienda come Hera è fondamentale riuscire a mantenere e potenziare un legame forte con il territorio e saper rendere sempre più visibili i vantaggi dei servizi offerti, che vanno a beneficio di tutta la comunità. Vedo in HeraLAB un'ottima occasione per rafforzare il virtuoso percorso della sostenibilità e della responsabilità d'impresa apici chiusi
Silvia Giannini
Vice Sindaco di Bologna
Mario Tozzi
Credo che la direzione sia quella giusta: per un'impresa come Hera è fondamentale ascoltare i cittadini, le loro necessità e richieste e aiutarli a capire davvero cosa fa una multi utility e quali sono gli elementi di scenario. E’ una nuova sfida per Hera che mi auguro possa avere gli stessi risultati positivi del RAB, un'esperienza straordinaria e innovativa che ha consentito di creare un canale privilegiato di comunicazione tra Hera e i cittadini residenti nei pressi degli impianti gestiti dall’azienda apici chiusi
Mario Tozzi
geologo, primo ricercatore CNR e
conduttore televisivo
Francesco Greco
HeraLAB è un'opportunità per far capire alle persone quello che Hera fa, per renderle consapevoli dei veri problemi sul territorio, per far percepire una multiutiliy per quello che realmente è: un fondamentale servizio per i cittadini. E' un compito molto difficile, una vera sfida ma bisognerà pur cominciare apici chiusi
Andrea Segrè
Professore Ordinario di Politica Agraria Internazionale e Comparata, Università di Bologna e Presidente di Last Minute Market
Lorenzo Frattini
Credo che le modalità di scelta dei componenti del LAB e la presenza di regole chiare e trasparenti, soprattutto sugli obiettivi da raggiungere, siano due fattori indispensabili affinchè il processo possa portare risultati concreti. Inoltre sarebbe importante includere anche persone con opinioni molto diverse, sempre che accettino il piano del confronto. In questo modo il LAB può essere maggiormente riconosciuto dal territorio come strumento utile e punto di scambio e relazione tra impresa e altri interessi e sensibilità. Oggi c'è poca fiducia in tutto quello che è "istituzionalizzato", quindi il risultato non è scontato. Ma se l'esperienza riuscirà ad essere ben giocata può diventare un interessante punto di confronto delle diverse opinioni, preoccupazioni, esigenze e aspettative e, ci auguriamo, contribuire al miglioramento della sostenibilità dei servizi offerti da Hera apici chiusi
Lorenzo Frattini
Presidente Legambiente Emilia Romagna
Pierluigi Stefanini
HeraLAB può diventare una chiave importante, in ciascuno dei territori in cui Hera opera, per identificare le migliori modalità di relazione e comunicazione con i cittadini: il successo dell'iniziativa starà nella capacità di costruire un processo chiaro, trasparente e credibile apici chiusi
Pierluigi Stefanini
Presidente Unipol
Daniele Manca
E' importante per una multiutility come Hera, rafforzare la relazione con il territorio, costruendo lì la più importante alleanza, nella partecipazione per il fare e non per il bloccare, per sconfiggere quel declino culturale in cui talvolta rischiamo di cadere. HeraLAB rappresenta uno straordinario e innovativo progetto culturale per portare l'azienda vicino alla comunità, alle imprese, ai cittadini: è una leva decisiva per la realizzazione di un futuro sostenibile a misura di territorio. apici chiusi
Daniele Manca
Sindaco di Imola

Contatti

Area Manager

Daniela Montani

Bologna

Daniela Montani
Davide Bigarelli

Modena

Davide Bigarelli
Enrico Bordigoni

Ferrara

Enrico Bordigoni
Cecilia Natali

Ravenna

Cecilia Natali
Roberto Fabbri

Rimini

Roberto Fabbri
Marina Simoni

Imola-Faenza

Marina Simoni
Andrea Raggi

Forli'-Cesena

Andrea Raggi

Direzione Corporate Social Responsibility

Direzione Corporate Social Responsibility
 
Direzione Corporate Social Responsibility
Filippo Bocchi