Contribuire a ridurre l’importo della bolletta dell’acqua per gli utenti deboli attraverso una proposta ad Atersir volta da una parte, a promuovere l’aumento del fondo costituito da accantonamenti da tariffa, e dall’altra, a sollecitare l’introduzione della tariffa pro-capite che riconosce alle famiglie numerose un aumento dei mc di acqua rientranti nella fascia della tariffa agevolata. Questo l’importante obiettivo che il LAB di Rimini si è prefissato per sviluppare “Con l’aiuto di tutti”. Una iniziativa che ha visto la realizzazione di un incontro con l’Agenzia territoriale dell’Emilia-Romagna per i servizi idrici e rifiuti e che ha evidenziato come l’impatto economico della tariffa fosse positivo solo per nuclei familiari superiori alle 5 persone, mentre per ciò che concerne il bonus idrico, i fondi previsti sarebbero stati integrati allineando i bonus per il territorio di Rimini, che sino a quel momento risultava penalizzato.
Successivamente all’incontro è stato possibile verificare tale adeguamento deliberato da Atersir il 26 luglio 2016. Il valore per residente destinato alle utenze deboli nella provincia di Rimini è stato pertanto aumentato da 0,32 euro per il triennio 2013/2015, a 0,96 europer il biennio 2016/2017.