L’Associazione Alzheimer Rimini è presente sul territorio provinciale da 27 anni e coopera da sempre con le istituzioni locali (CDCD, A.U.S.L. Romagna sede di Rimini, Asp, Comuni, Cooperative e ONLUS). Nasce nel 1993 e dal 2009 ha come figura di riferimento Giorgio Romersa l’attuale Presidente. Proprio lui, ha vissuto in prima persona in ambito famigliare l’esperienza di caregiver con un malato di Alzheimer e questo gli ha dato la spinta emotiva per mettere al primo posto non solo le persone affette da questa patologia, ma soprattutto chi gli è accanto. È quindi riuscito ad infondere in volontari e collaboratori dell’associazione un sentimento di partecipazione per un progetto tanto importante per migliaia di persone nella provincia di Rimini che vivono la difficile esperienza di dover accudire i loro famigliari affetti da Alzheimer.

L’Associazione Alzheimer Rimini offre forme di sostegno palliative a chi ne ha bisogno, tra cui quella dell’assistenza domiciliare che individua nel “Sollievo” uno degli aspetti importanti.  Le famiglie in difficoltà economiche o psicologicamente provate dall’impegno di doversi prendere cura di un loro caro ogni giorno 24 ore su 24 possono oggi avvalersi di Psicologi/Psicoterapeuti, Educatori, OSS e Volontari formati.

L’Associazione Alzheimer Rimini realizza questo progetto su indicazione del Centro per i Disturbi Cognitivi Demenze (CDCD) e A.U.S.L. Romagna (sede di Rimini) individuando le famiglie più bisognose di questo servizio. Ogni settimana vengono offerte indicativamente 3 ore di aiuto concreto ai caregiver da parte di esperti in questo ambito specifico. Per l’Associazione Alzheimer Rimini il servizio di cura della persona a domicilio rappresenta un focus che diventerà sempre più importante in futuro specie per le famiglie che si trovano a vivere uno stato di disagio sociale ed economico.

Allo stesso tempo, psicologhe, pedagogiste, animatrici e psicomotriciste vengo impegnate in Centri d’Incontro (Meeting Dem) e Alzheimer Cafè. In questi luoghi, le persone a cui viene diagnosticata la malattia potranno trovare giovamento grazie alle molteplici attività proposte come: stimolazione cognitiva, reminiscenza, terapia della rimotivazione, attività psicomotoria, laboratorio di musica, canto, ballo. Con collaboratori specializzati inoltre, le persone potranno usufruire di attività occupazionali, laboratori manuali e creativo-espressivi, attività orientate al mantenimento e ristabilimento dell’equilibrio emotivo, alla preservazione dell’immagine di sé e al confronto con il futuro. Sono previsti anche interventi di esperti in Musicoterapia e del Metodo Hobart (movimento danzato).  Tutte queste attività hanno un duplice scopo: mantenere relazioni sociali fra le persone e dare qualche ora di sollievo alle famiglie.

 

IL PROGETTO FINANZIATO DA HERALAB

Grazie al contributo donato da HeraLab sono stati attivati interventi domiciliari di “Sollievo” a famiglie presenti nel territorio provinciale. Ogni incontro è diviso in massimo 9 accessi a cadenza settimanale di 3 ore ognuno per un totale di circa 270 ore. A causa del Covid-19 il progetto si è fermato per ragioni di sicurezza; terminerà quindi a fine dicembre 2020.